Archive for ottobre 2009

Er Cicoria ha fatto le valigie!

ottobre 29, 2009
grande_centro

Il grande centro!

Francesco Rutelli lascia il P.D.!-

Questa e’ la migliore notizia del 2009, andandosene Rutelli, sicuramente Binetti e lo sparuto gruppo dei teodem lo seguiranno a ruota.

I più esultano ed io con loro. Questa è un ottima notizia, non è ancora sicuro, ma è l’unica possibilità per avere in Italia una specie di partito laico…depurare il PD dai teodem…almeno il PD potrebbe sviluppare con coerenza una laicità interna maggiore come desiderata da Ignazio Marino!

RUTELLI - 8z3vb

Da un sondaggio di TG La7 il 98% esulta per l’uscita di Rutelli!

prima RADICALE, da non credere!
poi Verdi
poi ulivista
poi margherita
poi PD-ino
ora vorrebbe aderire all’ UDC !

Una deriva a destra allucinante quanto quella di Capezzone!

Il “bello guaglione” e “voltagabbana” Francesco Rutelli, lo dice forte e chiaro: “Il Pd è un partito mai nato. E il congresso lo conferma, è solo una lotta di potere interno, con uno scollamento clamoroso tra questo partito e il paese”. Mentre quasi 3 milioni di cittadini eleggono Bersani nuovo segretario del P.D.

Simpatico o antipatico, l’ex capo della Margherita (che la sciolse per fondersi con i Ds e fare il Pd) è oramai un “estraneo” del Pd, un separato in caso già con le valige in mano.

L’israeliana centrista/riformista Kadima (l’alleanza fra i conservatori di Ariel Sharon e i laburisti di Simon Peres) è l’obiettivo a cui guarda Rutelli, una mano tesa trasversalmente a Casini, Montezemolo, Draghi, addirittura Pisanu e Fini. Verso approdi più sicuri per nuovi progetti e veleggiare verso l’ignoto.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Avete approfittato dei secoli di ignoranza, di superstizione e di demenza, per spogliarci delle nostre eredità, metterci sotto i piedi, ingrassarvi con i beni degli sventurati: badate che non venga il giorno del trionfo della ragione!.

Annunci

Un premier “canterino menestrello”!.

ottobre 18, 2009

 

Lopsiconano” è sempre felice e gioioso!

Ogni giorno, inventa sempre un motivo, occupa le prime pagine dei giornali. Allergico alla “giustizia terrena” e alle “aule dei tribunali”,  è un “canterino menestrello”,  “Figaro qua, Figaro là”,  è di casa  a Porta a Porta.

Un premier "barzellettiere e canterino menestrello".

Un premier "barzellettiere e canterino menestrello".

Il caso Mills, ultima sua avventura giudiziaria,  è di una gravità eccezionale. No, Berlusconi non si presenterà mai in un tribunale di sua volontà. Semmai andrà ancora una volta a “Porta a Porta” davanti a giornalisti compiacenti. E quando, fra cento anni, si troverà davanti al Giudice Supremo, ci sarà un Ghedini pronto a presentare istanza di ricusazione.  

E’ a tutti nota la richiesta avanzata dal pool degli  avvocati  del collegio difensivo di spostare indietro nel tempo, nel 1998 anziché nel 2000, il giorno della consumazione del reato di corruzione creando così le condizioni perché la Corte d’Appello pronunci l’intervenuta prescrizione del reato.

Quella di cui, quasi sicuramente, beneficerà il premier “canterino menestrello” grazie al nuovo processo a suo carico e di cui – come ha sempre fatto – altrettanto sicuramente si avvarrà.

 Premetto che queste sono informazioni facilmente reperibili in Internet, di alcune le TV hanno parlato di altre hanno solo accennato. Il numero di siti che riportano questo stringato Curriculum è notevole, basta ricercare una qualsiasi delle frasi seguenti con un motore di ricerca come Google. Suppongo quindi sia un curriculum vero che tutti gli agenti di polizia abbiano sui loro terminali come avranno il mio (ancora bianco).

Ricordo che molti sospetti non fanno né una certezza né una condanna e quindi il Presidente Berlusconi ha la fedina penale pulita. Per adesso risultano solo condanne (4) di primo grado e che nei successivi gradi si sono risolte con assoluzioni per vari motivi tra cui la prescrizione. Anche qui occorre precisare che le diverse condanne in primo grado non sporcano la fedina. 

Comunque sia credo che i titoli che vedrete, di seguito,  in neretto siano i nomi dei fascicoli giudiziari mentre la descrizione suppongo appartenga a quel giornalista apparso nella trasmissione di Luttazzi: Marco Travaglio. Mi risulta che abbia avuto molte querele e che non ostante questo il suo libro sia ancora in libera vendita, quindi si deve convenire che le sue frasi corrispondono a verità per la magistratura. Se non fosse così prego di informarmi.

Il giornale della Lega Nord La Padania riporta alcuni vecchi procedimenti giudiziari, l’articolo è del giornalista Max Parisi datato 30 agosto 1998, mancano tutti i procedimenti giudiziari aperti dal 1998 in poi. Probabilmente esistono altre fonti ufficiali di tale curriculum, fonti mai smentite e più recenti ma il mio tempo da dedicare a questo argomento è poco.

I dati di fatto dovrebbero essere i seguenti:

  1. Traffico di droga
    Nel 1983 la Guardia di Finanza, nell’ambito di un’inchiesta su un traffico di droga, aveva posto sotto controllo i telefoni di Berlusconi. Nel rapporto si legge: «È stato segnalato che il noto Silvio Berlusconi finanzierebbe un intenso traffico di stupefacenti dalla Sicilia, sia in Francia che in altre regioni italiane.
    Il predetto sarebbe al centro di grosse speculazioni edilizie e opererebbe sulla Costa Smeralda avvalendosi di società di comodo…». L’indagine non accertò nulla di penalmente rilevante e nel 1991 fu archiviata.  
  2. Falsa testimonianza sulla P2
    La prima condanna di Silvio Berlusconi da parte di un tribunale arriva nel 1990: la Corte d’Appello di Venezia lo dichiara
    colpevole di aver giurato il falso davanti ai giudici, a proposito della sua iscrizione alla lista P2. Nel 1989, però, c’era stata un’amnistia, che estingue il reato.  
  3. Tangenti alla Guardia di finanza
    Berlusconi è accusato di aver pagato tangenti a ufficiali della Guardia di Finanza, per ammorbidire i controlli fiscali su quattro delle sue società (Mondadori, Videotime, Telepiù…).
    In primo grado è condannato a 2 anni e 9 mesi per tutte e quattro le tangenti contestate, senza attenuanti generiche. In appello, la Corte concede le attenuanti generiche: così scatta la prescrizione per tre tangenti. Per la quarta (Telepiù), l’assoluzione è concessa con *formula dubitativa* (comma 2 art. 530 cpp).
  4. Tangenti a Craxi (All Iberian 1)  
    Per 21 miliardi di finanziamenti illeciti a Bettino Craxi, passati attraverso la società estera All Iberian, in primo grado è condannato a 2 anni e 4 mesi. In appello, a causa dei tempi lunghi del processo scatta la *prescrizione* del reato.
    La Cassazione conferma.
  5. Falso in bilancio (All Iberian 2)
    Berlusconi è rinviato a giudizio per aver falsificato i bilanci Fininvest. Il dibattimento, dopo molte lungaggini e schermaglie procedurali, è in corso presso il Tribunale di Milano.
  6. Consolidato gruppo Fininvest (All Iberian 3)
    La Procura della Repubblica di Milano ha indagato sulla rete di società estere del gruppo Fininvest (Fininvest Group B), contestando falsi in bilancio e operazioni che hanno generato un migliaio di miliardi di fondi neri. Sta per essere formalizzata la richiesta di rinvio a giudizio.
  7. All Iberian (2 o 3)
    Silvio Berlusconi e tre ex dirigenti della Fininvest sono stati assolti al termine del processo All Iberian iniziato nel 1995, in cui erano imputati per falso in bilancio e false attestazioni, perché stando alla nuova normativa sui reati delle società, i fatti non sono più considerati come reati dalla legge. Si noti che tale legge è stata fatta dal governo avente come Primo ministro lo stesso Berlusconi Silvio. Fonte.
  8. Caso Lentini
    Berlusconi è stato rinviato a giudizio per aver deciso il versamento in nero di 6 miliardi dalle casse del Milan a quelle del Torino calcio, per l’acquisto del calciatore Gianfranco Lentini. Il dibattimento è in corso presso il Tribunale di Milano.
  9. Medusa cinematografica
    Berlusconi è accusato di comportamenti illeciti nelle operazioni d’acquisto della società Medusa cinematografica, per non aver messo a bilancio 10 miliardi. In primo grado è condannato a 1 anno e 4 mesi per falso in bilancio. In appello, la Corte gli ha riconosciuto le attenuanti generiche: è così scattata la prescrizione del reato.
  10. Terreni di Macherio
    Berlusconi è accusato di varie irregolarità fiscali nell’acquisto dei terreni intorno alla sua villa di Macherio. In primo grado è per alcuni reati assolto, per altri scatta la prescrizione. In appello è confermata la sentenza di primo grado.
  11. Lodo Mondadori
    Berlusconi è accusato di aver pagato i giudici di Roma per ottenere una decisione a suo favore nel Lodo Mondadori, che doveva decidere la proprietà della casa editrice. Il giudice dell’udienza preliminare ha deciso l’archiviazione del caso, con *formula dubitativa*. La Procura ha fatto ricorso alla Corte d’appello, che ora dovrà decidere se confermare l’archiviazione o disporre il rinvio a giudizio di Berlusconi, Cesare Previti e del giudice Renato Squillante.
  12. Toghe sporche-Sme
    Berlusconi è accusato di aver corrotto i giudici durante le operazioni per l’acquisto della Sme. Rinviato a giudizio insieme a Cesare Previti e Renato Squillante. Il processo di primo grado è in corso presso il Tribunale di Milano.
  13. Spartizione pubblicitaria Rai-Fininvest
    Berlusconi era accusato di aver indotto la Rai, da presidente del Consiglio, a concordare con la Fininvest i tetti pubblicitari, per ammorbidire la concorrenza. La Procura di Roma, non avendo raccolto prove a sufficienza per il reato di concussione, ha chiesto l’archiviazione, accolta dal Giudice dell’udienza preliminare.
  14. Tangenti fiscali sulle pay-tv
    Berlusconi era accusato di aver pagato tangenti a dirigenti e funzionari del ministero delle Finanze per ridurre l’Iva dal 19 al 4 per cento sulle pay-tv e per ottenere rimborsi di favore. La Procura di Roma ha chiesto l’archiviazione, accolta dal Giudice dell’udienza preliminare.
  15. Stragi del 1992-1993
    Le procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze, indagano da molti anni sui «mandanti a volto coperto» delle stragi del 1992 (Falcone e Borsellino) e del 1993 (a Firenze, Roma e Milano). Le indagini preliminari sull’eventuale ruolo che Berlusconi e Dell’Utri possono avere avuto in quelle vicende sono state formalmente chiuse con archiviazioni o richieste di archiviazioni. Continuano però indagini per concorso in strage contro ignoti.
  16. Telecinco in Spagna
    Berlusconi, Dell’Utri e altri manager Fininvest, responsabili in Spagna dell’emittente Telecinco, sono accusati di frode fiscale per 100 miliardi e violazione della legge antitrust spagnola. Sono stati rinviati a giudizio su richiesta del giudice istruttore anticorruzione di Madrid, Baltasar Garzon Real. Dopo varie sospensioni del processo il giudice ha deciso per l’assoluzione perché il fatto non sussiste.
  17. Compravendita della SME
    Berlusconi è stato assolto per prescrizione. Dal conto corrente della Fininvest a quello del giudice Squillante attraverso un altro di Cesare Previti, sono transitati 500 milioni di lire nel 1991. Il giudice ha emesso la sentenza nel 2004: è stato un atto di corruzione da parte di Berlusconi Silvio verso il giudice Squillante. Per altri fatti la prova è contraddittoria oppure è insufficiente o manca. In un caso l’assoluzione è completa. Fonte.
  18. Caso David Mills
    Berlusconi ha fatto versare nel 1997 da Carlo Bernasconi, manager della Fininvest, “non meno di 600 mila dollari” sui conti svizzeri dell’avvocato inglese David Mills “affinché dichiarasse il falso nel processo per le tangenti Fininvest alla Finanza e in quello All Iberian”. David Mills è stato condannato il 17/02/2009 a 4 anni e 6 mesi per falsa testimonianza a copertura di Silvio Berlusconi. Il corruttore (Berlusconi Silvio) prima non era  processabile per il Lodo Alfano votato dallo stesso governo Berlusconi, oggi è sotto processo perchè la Corte Costituzionale l’ha annullato in quanto incostituzionale.  Fonte
  19. Frode fiscale (rinvio a giudizio)
    Berlusconi è imputato in frode fiscale. Il principale indagato è però Fedele Confalonieri per evasione di 13.3 milioni di euro per costituire fondi neri relativi ai diritti TV di Mediaset, avrebbe commesso l’illecito in concorso con diverse persone tra cui Berlusconi Silvio. Fonte.

Attualmente Silvio Berlusconi è un parlamentare della Repubblica italiana, leader di Forza Italia (ora Popolo delle libertà e Presidente del Consiglio italiano. L’onorevole Berlusconi ricopre inoltre molte altre cariche tra cui la presidenza della squadra di calcio Milan ed è proprietario di Mediaset, il più grande gruppo privato televisivo in Italia e controlla gran parte dei giornali.

 Se ci fosse la voglia di fare una ricerca nell’archivio de La Repubblica troverete gli articoli dei giornalisti relativi alle sentenze definitive di Berlusconi.

Segnalo che la pagina su wikipedia che riguarda Berlusconi è bloccata da molto tempo per controversie dei rispettivi fan politici, esiste la pagina delle bozze che sullo stesso personaggio da una raffigurazione aggiornata agli ultimi eventi.

Canale 5 ”pedina” il giudice Mesiano!

ottobre 18, 2009
 

Il giudice Raimondo Mesiano è responsabile della sentenza di risarcimento da parte della Fininvest alla Cir di De Benedetti di 750 milioni di euro per la vendita truccata della Mondadori. Nel 2007 una sentenza della Cassazione condannò Previti. Cesarone corruppe un giudice e la Mondadori finì, per coincidenza, alla Fininvest. Lui prima in galera e poi ai servizi sociali. Ora è stato quantificato il danno. Casi della vita, casi di corruzione: 2,7 milioni di dollari pagati a suo tempo a un giudice per una sentenza favorevole.

Un premier detto "mister prescrizioni"

Un premier detto "mister prescrizioni"

 

Nella sentenza di Mesiano è riportato: “Sarebbe naturalmente fuori dell’ordine naturale degli accadimenti umani che un bonifico di circa 3 miliardi di lire sia disposto ed eseguito, per le dimostrate finalità corruttive, senza che il “dominus” della società, dai cui conti il bonifico proviene, ne sia a conoscenza e lo accetti”. “E’ noto che Fininvest spa è società appartenente alla famiglia Berlusconi, il cui azionariato è suddiviso all’interno di una ristretta cerchia di soci”.

Il tuo avvocato corrompe un giudice per una sentenza ad hoc con una cifra enorme, tre miliardi di vent’anni fa, e tu non dovresti saperne nulla? Tu che sei l’utilizzatore finale della sentenza?

Lo psiconano ha buttato lì, nei giorni scorsi, a Benevento che sul giudice Mesiano: “Se ne sentiranno venir fuori delle belle”.

Detto-fatto. Il giudice Mesiano è stato seguito da Canale 5 mentre si recava dal barbiere. Il pezzo è un’istigazione alla risata convulsa o forse all’intimidazione di giudice di stampo piduista.

Alcuni brani di accompagnamento del “servizietto”:
“…alle sue stravanganze (quali? ndr) siamo già abituati… passeggia l’uomo Raimondo Mesiano passeggia per le strade milanesi… davanti al suo barbiere di fiducia è impaziente… non riesce a stare fermo… avanti e indietro… si ferma… aspira la sua sigaretta e ancora avanti e indietro (muove solo pochi passi e sembra molto tranquillo, ndr) … prima di uscire dal nostro campo visivo (forse l’espressione “pedinamento” è più appropriata. ndr) ci regala un’altra stranezza (ancora? ndr)… guardatelo seduto su di una panchina, camicia, pantalone blu, scarpe bianche e calzino turchese (però che giudice strano, ndr)”.

Da: Il Grillaccio che ama alla follia “PAPI”.-

Clicca: Canale 5 ”pedina” il giudice Mesiano
Clicca: Il giudice Mesiano “Stravaganti i suoi comportamenti”

  • E’ evidente che viene mandato un messaggio ai “tele-sudditi” italiani.
    Mesiano è:
    –  una persona che commette continue stravaganze;
    –  una persona nervosa, che fuma molto e veste male;
    –  una persona che ha ottenuto una promozione e aumento di stipendio immeritati.

PER CUI, QUELO CHE ENTRA NELLA TESTA DELLO SPETTATORE MEDIO DI “MATTINO CINQUE” E’:
– la sentenza di questo Mesiano contro Berlusconi è probabilmente una sua ennesima stravaganza;
– ha ragione Berlusconi quando dice che la giustizia italiana va completamente riformata perché non si può promuovere un individuo del genere.

Ecco fatto l’ennesimo gioco delle “tre carte”.-

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

“Calunniate, calunniate, qualcosa resterà” (Goebbels)